L' Organizzazione Sindacale FIALS (Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità ) nasce nel 1977 a livello Nazionale.

Nel 1988 l’adesione alla Fials di un grosso numero di lavoratori che provenivano da vari Organizzazioni sindacali confederali ha dato un forte impulso alla crescita rappresentativa della Fials, ma, ancor di più, uno slancio sindacale autonomista ed una nuova presenza capillare sul territorio.

La Fials aderisce alla Conf.sal., Confederazione che vanta, tra le Federazioni aderenti, lo Snals, il sindacato della scuola più rappresentativo del settore in Italia.

Attraverso la fusione con la Confsal Sanità si è dato origine ad una nuova aggregazione che vede nella Federazione Nazionale Fials aderente Confsal il raggiungimento della maggior rappresentatività a livello nazionale con la possibilità di partecipare di diritto alle riunioni per la stesura dei contratti di categoria e ai tavoli di contrattazione aziendale a pieno titolo, forti soprattutto delle proprie idee e del sostegno dei lavoratori.

L’ultimo congresso nazionale ha ridefinito la composizione degli Organi della Organizzazione e dei quadri dirigenti eleggendo a Segretario Nazionale Giuseppe Carbone di Brindisi.

La FIALS ritiene che in questa società che sostituisce e modifica il lavoro, anche il Sindacato debba cambiare e modificarsi. Oggi il sindacato nel suo complesso rappresenta 5 milioni e mezzo di persone, meno del 10% dei cittadini, poco più di un quarto dei lavoratori.

Se il sindacato vuole realmente riappropriarsi di una nuova e più vasta rappresentatività deve necessariamente rafforzare e rinnovare la sua funzione, recuperando la sua specificità e respingendo la tendenza alla sovrapposizione di ruoli con il Parlamento, sovranamente eletto da tutto il popolo.

Anche il nostro incontro con altre Confederazioni avviene sul terreno di un confronto impegnato e leale.

Di un confronto che vuole portare i temi del sindacato "fuori" dai circuiti abituali, verso i lavoratori e i cittadini che nei confronti del sindacato hanno maturato perplessità e distanze.

Quello che vogliamo, invece, è competere lealmente per produrre un allargamento complessivo dell’area della rappresentanza sindacale, oggi troppo esigua perché tutti gli interessi e tutte le posizioni trovino voce adeguata: non per erodere l’area di rappresentanza complessivamente già acquisita, né tantomeno per contendere a chicchessia quella che gli è propria in termini organizzativi e culturali.

Da qui il progetto della FIALS. La speranza, di un "Sindacato diverso", che sappia essere interprete del rinnovamento dei rapporti e dei comportamenti sociali, civili, politici ed economici: un sindacato che sappia distinguersi nella chiarezza delle posizioni, dei valori, delle idee, dei programmi.

Un Sindacato che, rimanendo fedele ai principi e ai valori della sua fondazione, cambia e si modifica in sintonia con l’economia, la produzione, il mercato, la politica e la società.

Proponendosi per ciò stesso come alternativa a chi tenta con ogni mezzo di evitare o rallentare il rinnovamento, per non veder minacciate le complesse regole del potere economico.

Un sindacato che difende e tutela il cittadino debole ed il lavoro.

Si tratta di un obiettivo ambizioso, che richiede scelte radicali e coraggiose, forti accelerazioni, abbandono di abitudini consolidate. E che difficilmente potrà realizzarsi senza strappi, perché nessun cambiamento vero e sostanziale si è mai realizzato senza cesure, anche dolorose.

Cionondimeno siamo intenzionati a procedere senza tentennamenti, perché da questa sfida dipende la prospettiva di crescita della nostra organizzazione e la capacità di effettiva tutela degli interessi dei tanti lavoratori che ci onorano della loro fiducia.

Il tempo, infatti, non lavora per chi sta fermo, per chi resta invischiato in problemi inattuali, per chi rifiuta di prendere atto della realtà che cambia.

Perché non partecipare al cambiamento significa anche restare isolati dalle possibilità di alleanza o, peggio ancora, ritrovarsi invischiati in coalizioni destinate alla sconfitta.

Nel 2010 a causa delle modifiche dei comparti introdotti dalla recente legislazione in materia di rappresentatività e comparti di contrattazione il Consiglio Nazionale della FIALS ha deliberato la modifica della propria denominazione dall'attuale "FIALS- Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità" in

"FIALS - Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità"

Canali Tematici

Colpa grave

fials-assicura

TUA Assicurazioni

              Convenzione

                 TUALogo2 

      Agenzia via Slataper, 26 TS

permessi-aspettative

Permessi e Aspettative

fials testo unico integrato

Normative Contrattuali

Facebook